Feste in Thailandia

Eventi e Feste in Thailandia

Il Paese dei 3 capodanni

Non soddisfatti del solo capodanno occidentale, in Thailandia amano festeggiare anche quello nazionale e quello Cinese, guadagnandosi così la fama del Paese dei tre capodanni! Oltre a questa curiosa usanza, in Thailandia convivono numerose festività nazionali accompagnate ogni anno da vivaci esibizioni, rumorose processioni e coloratissime sfilate. Che si tratti di una ricorrenza religiosa, laica o storica non ha importanza: le feste in Thailandia sono imperdibili! E non solo per l’allegria e i colori che le caratterizzano, ma perché si tratta di un divertimento –‘sanuk’ in lingua thai- essenzialmente radicato nella cultura e nelle tradizioni thailandesi. Ogni abitante dunque non può mancare, ma lo stesso vale per tutti i visitatori e i turisti che capitano nel Paese del sorriso proprio durante le festività.

Gennaio-febbraio

Nel mese di gennaio si celebra il That Phanom Festival, presso un tempio Buddhista della provincia di Nakhom Phanon, a nord-est del Paese, nel quale è conservata una reliquia del Buddha. Nello stesso periodo si tiene la fiera del Don Chedi, piccolo paesino della Thailandia centrale, scenario di grande valore storico: nel 1592 il Re Nareusan sconfigge proprio in questi luoghi gli invasori birmani, in un epico duello a dorso di elefante. Durante la festa si svolgono pittoreschi tornei con gli elefanti.

Oltre al 1° gennaio, che segna il passaggio al nuovo anno anche in tutto l’Occidente, in Thailandia a febbraio si festeggia il Maha Puja, cerimonia che commemora la prima preghiera del Buddha davanti a una folla spontanea di fedeli. La ricorrenza cade nel plenilunio del terzo mese lunare e vede partecipare con numerosi preparativi tutti i templi buddisti della Thailandia. A sera si può assistere a suggestive processioni con le candele, fiaccolate nella quali i fedeli compiono per tre volte un giro attorno ai templi: una volta per il Buddha, una per i suoi insegnamenti e una per la comunità dei monaci.

Febbraio-Marzo

Tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo si celebra il capodanno cinese, che in Thailandese si chiama Trut Jiin e segna l’inizio dell’anno lunare. Fra tutte le feste in Thailandia, quest è molto sentita per via dell’estesa comunità cinese che abita in Paese (circa sei milioni di persone). I giorni di celebrazione sono occasione per omaggiare con le proprie offerte le divinità della terra e della fortuna. Nelle principali città sfilano i mitici dragoni cinesi e, naturalmente, la notte è illuminata da spettacolari fuochi d’artificio e giochi pirotecnici. Oltre a Bangkok, gli spettacoli e le manifestazioni più ricche si tengono soprattutto a Nakhon Sawan, la città a maggioranza cinese di tutta la Thailandia.

Aprile: Songkhran, la festa dell’acqua

Songkran - festa dell'acqua in Thailandia

La festa più divertente di tutta la Thailandia dura dal 13 al 15 Aprile (e in alcune località si protrae sino al 19): è il Songkhran. Questo è il vero capodanno thailandese, secondo il buddhismo della confessione Therevada, ma fra la gente è comunemente chiamata festa dell’acqua. La festività segna infatti la fine della stagione secca e l’inizio delle piogge monsoniche,  vitali per le piantagioni di riso della nazione. Durante il Songkran, gli abitanti scendono in strada bagnandosi in segno di buon augurio. Questa ‘battaglia d’acqua‘ prosegue da mattino a sera per tutto il periodo di festività. Il Songkhran costituisce, però, anche un’occasione seria e riflessiva per onorare e portare doni agli anziani della propria famiglia. Senza dubbio si tratta della festa più amata dai thailandesi, ma anche di un imperdibile evento per ogni turista!

Altre feste in Thailandia: fra maggio e giugno

Nel mese di maggio si celebra il Visakha Puja, che cade il quindicesimo giorno di luna crescente del sesto mese lunare. Rappresenta la festa più sacra del Buddhismo in Thailandia e ricorda la nascita, l’illuminazione e la morte del Buddha. Durante la festa religiosa i fedeli si recano nei templi per ascoltare le preghiere dei monaci e portare in dono le proprie offerte.

Sempre nello stesso mese, nel nord-est della Thailandia si tiene la festa dei razzi Chein Thai. Questo evento prende il nome Bun Bang Fai, ed è caratterizzata dall’esplosione di razzi prodotti artigianalmente con il bambù. Indirizzati verso il cielo, questi spari sono un segno propiziatorio per le piogge.

A metà fra maggio e giugno, si può assistere alla cerimonia dell’aratura reale, che ha luogo nella pianura di Sanam Luang, a Bangkok. Si tratta di un antico rituale braminico ripristinato dal Re nel 1960, durante il quale i sacerdoti benedicono i semi di riso e li gettano in un solco tracciato con un carro trainato da bufali: il rito rappresenta simbolicamente l’inizio della semina.

Nel mese di Luglio si celebra invece l’Asanha Puja, ossia il primo sermone tenuto dal Buddha davanti i suoi primi cinque discepoli. Questa ricorrenza cade nel giorno di luna piena dell’ottavo mese lunare. Il giorno successivo si festeggia il Khao Pansa, l’inizio del periodo in cui vengono ordinati i giovani monaci, che poi rimarranno in monastero per tre mesi consecutivi senza mai uscire.

Luglio-ottobre

Nel mese di Luglio ha luogo il festival delle candele, la festa Buddhista di Khao Pansaa, che nel nord-est del Paese si caratterizza per una suggestiva sfilata di enormi candele, issate su carri. Tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre si celebra la Festa Vegetariana che cade all’inizio del nono mese lunare del calendario cinese. A Phuket e a Trang si commemora un episodio a metà fra storia e leggenda: un gruppo di attori cinesi guarì dalla peste che infestava il territorio grazie ad una dieta vegetariana. Così, durante questa festività, per nove giorni di fila i fedeli non mangiano carne, ma si nutrono di piatti vegetariani allo scopo di purificarsi. Nel mese di Ottobre, durante il primo giorno di luna piena, si tiene il Phansa Festival che ricorda il ritorno del Buddha sulla Terra dopo un lungo periodo di predicazione in paradiso. In questo giorno i monaci meditano se continuare la vita monastica o tornare alla vita normale.

Novembre: Loi Kratong, festa delle luci

Nel mese di Novembre si tiene la festa di Loi Krathong o festa delle luci. Cade il primo giorno di luna piena di Novembre e, fra le varie feste in Thailandia,  è certo una delle più suggestive: celebra infatti la venuta del Buddha sulla terra. In questo giorno nei corsi d’acqua vengono  deposte delle composizioni floreali con delle candele che, secondo la tradizione, servono ad illuminare la strada del Buddha. La festa si tiene in tutta la Thailandia, ma manifestazioni più spettacolari avvengono a Sukhothay e a Chiang Mai.

feste in thailandia - Songkran

Il terzo week end di Novembre si tiene un gigantesco raduno di elefanti, nella città di Surin in Isaan. Questi animali hanno avuto un ruolo molto importante nella cultura ed economia della Thailandia, perciò ancora oggi si celebra la loro immensa figura con una festività nazionale.


Leggi anche:

  1. Cucina Thai
  2. Massaggio tradizionale
  3. Thai Boxe
  4. Vita notturna
  5. Ragazze Thailandesi
  6. Ladyboy Thailandesi
  7. Un po’ di storia
  8. Investire in Thailandia

 

I commenti sono chiusi