Estate in Thailandia: dove andare e cosa fare

Estate in Thailandia: dove andare e cosa fare

Dove andare e cosa fare d’estate in Thailandia? Nei mesi di giugno, luglio, agosto e settembre le zone che risentono meno dell’influenza dei Monsoni e che sono più riparate da piogge e temporali sono quelle che si trovano lungo la costa orientale e quelle che rientrano nel Golfo del Siam. Consulta le Offerte Viaggio e Last Minute per la Thailandia

koh samet estate in thailandia

Una delle splendide spiagge di Koh Samet, meta indiscussa per trascorrere l’estate in Thailandia

La maggior parte della Thailandia è caratterizzata da un clima tropicale, con un sole splendente e caldo nel corso di tutto l’anno e temperature comprese tra i 28 e i 35° C a seconda delle stagioni. Tre sono i periodi che si susseguono durante i dodici mesi: la stagione fresca (da novembre a febbraio), la stagione calda (da marzo a maggio) e la stagione delle piogge (da giugno a ottobre circa). In quest’ultimo periodo, però, la Thailandia non diventa una meta assolutamente inaccessibile o sconsigliata: basta solo scegliere le zone migliori, dove i venti e le precipitazioni sono più contenute e dov’è possibile godersi una splendida estate in Thailandia tra mare, caldo e relax!

Nei mesi da giugno a settembre le zone che risentono meno dell’influenza dei Monsoni si trovano lungo la costa orientale e quelle che rientrano nel Golfo del Siam: qui, la forma dei litorali e il loro orientamento proteggono naturalmente mare, spiagge e isole permettendo così di trascorrere belle giornate con poche precipitazioni anche in questo momento dell’anno. In queste zone, dunque, è possibile vivere un’estate in Thailandia in tutta la sua bellezza e tranquillità anche durante quello che, turisticamente, è periodo di “bassa stagione”.

Le spiagge della costa orientale e le isole, dove trovare relax su spiagge incantevoli

estate in thailandia Ko Si Chang mare

Tramonto su Ko Si Chang, relax e tranquillità

Questo tratto di Thailandia è molto rinomato perché facilmente raggiungibile da Bangkok: Si Racha infatti, a 100 Km e a due ore di pullman dalla capitale, permette di raggiungere facilmente (grazie a un servizio che garantisce traghetti con una buona frequenza) un vero angolo di paradiso, la piccola Ko Si Chang. Sebbene questa isoletta non offra la possibilità di trascorrere giornate persi nella vera e propria “vita da spiaggia”, è bellissima da esplorare: la sua costa rocciosa e frastagliata regala scorci davvero indimenticabili e l’atmosfera che si respira è caratterizzata da pace e tranquillità.

La spiaggia principale è Hat Tham Phang: una striscia di sabbia lunga un chilometro ed estesa nella parte occidentale dell’isola dove trascorrere qualche ora in assoluto relax. Anche chi ama scoprire gli aspetti più culturali della Thailandia è accontentato: vicino a Hat Tha Wang, infatti, si trovano le rovine della reggia di Rama V. Della struttura originaria resta intatto il Wat Asadang: posto su una piccola collina, presenta una pianta circolare sormontata da un chedi. Luogo assai evocativo, può essere la scusa per una breve gita a portata di tutti!

Tramonto a Pattaya, una delle località più vivaci della Thailandia

Anche Pattaya, una delle località più gettonate lungo la costa orientale, è ben collegata a Bangkok (distante poco meno di 150 Km) con pullman, aereo e treni. Questa città -dove grandi palazzi e alberghi si affacciano sul mare, ospitando ogni anno moltissimi visitatori appagati soprattutto dalla possibilità di abbandonarsi a una vivace vita notturna, animata da una miriade di bar, ristoranti e locali- può essere un ottimo punto di partenza per diversi luoghi che sanno davvero incantare in ogni stagione.
A pochissimi chilometri dalla costa e a meno di 8 Km a ovest di Pattaya, ad esempio, si trova Ko Lan: piccola isola dalle spiagge di sabbia candida e dall’acqua cristallina, come Ta-Yai Beach e Nual Beach.

Spiagge bianche e mare cristallino a Ko Samet

Ben più famosa è Ko Samet, una delle destinazioni più frequenti in un tour in Thailandia. Lunga 6 Km e a 30 minuti dalla costa partendo da Ban Phe, quest’isola è resa splendida dalla sabbia bianca che disegna i suoi litorali ed è un luogo ideale per rigenerarsi accompagnati dal rumore delle onde di un mare incantevole. La parte orientale ospita le spiagge più note e più frequentate: Hat Sai Kaew, ad esempio, dalla caratteristica sabbia silicea, la piccola Ao Hin Kok, con caratteristici scogli di granito, o ancora Ao Nuan, meno nota ai turisti e capace di regalare un’atmosfera straordinariamente tranquilla.

La costa meridionale del Golfo del Siam

Spostandosi più a sud, la costa meridionale del Golfo del Siam – estesa da Bangkok a Nakhon Si Thammarat- è un’altra zona ideale per una vacanza in Thailandia tra giugno e settembre.
A 150 Km dalla capitale si trova Hua Hin: la più antica stazione balneare thailandese, in origine meta di villeggiatura esclusiva della famiglia reale e divenuta, nel tempo, luogo prediletto dai turisti locali e stranieri. Spiagge di sabbia candida, mare limpido, negozietti di artigianato tipico e ristoranti dove gustare ottimi piatti della cucina tradizionale rendono Hua In un luogo piacevole dove trascorrere alcuni giorni di vacanza.

Ko Samui e la sua splendida spiaggia dorata

Più a sud, l’arcipelago di Samui è senza dubbio la meta più nota in questa parte del Paese. La località che dà il nome a questo gruppo di 80 isole, Ko Samui, dista 80 Km dalla costa di Surat; i suoi 15 chilometri quadrati sono circondati da spiagge paradisiache, dove un mare incredibilmente limpido invita chiunque ad immergersi e a praticare sport acquatici.

Una giornata dedicata al Parco marino di Ang Thong – che include molte delle isole dell’arcipelago- è un’ottima occasione per ammirare la bellezza di questo mare e della sua natura, prima di trascorrere una piacevole serata in uno dei tanti bar sulla spiaggia che Ko Samui offre!
Ko Pha Ngan è divenuta più recentemente meta turistica per molti viaggiatori: posta a 20 Km a nord di Ko Samui, è un’isola tranquilla dove l’entroterra collinare e ricoperto dalla giungla si affaccia su una costa resa spettacolare da aspri affioramenti granitici. Sebbene non abbia le dolci ed estese spiagge di Ko Samui, Ko Pha Ngan vanta fondali bellissimi, dove praticare snorkeling in cerca di coralli variopinti.

Ko Tao e il suo panorama paradisiaco, ideale per l’estate

Infine, leggermente più a nord, si trova la bella Ko Tao, l’ultima e più remota isola dell’arcipelago. Mae Hat è il villaggio principale, in cui approdano i traghetti che la collegano alla terra ferma e dove si concentra la maggior parte dei centri che organizzano immersioni subacquee.
Scegliere di fare un viaggio in Thailandia nei mesi di giugno, luglio, agosto e settembre, quindi, consente di vivere questa parte del Paese al meglio, godendosi davvero i luoghi, le spiagge e la splendida natura qui presenti… Lontani dagli scenari ben più affollati che contraddistinguono gli altri periodi dell’anno!

Vuoi goderti una vacanza d’estate in Thailandia? Scopri le nostre proposte viaggio o contattaci

Potrebbero interessarti anche le Guide Thailandia:

InnViaggi Asia raccomanda e collabora con…

Offerte & Last Minute Thailandia – Catalogo InnViaggi Thailandia

 

I commenti sono chiusi