Kanchanaburi e il ponte sul fiume Kwai

Kanchanaburi, il fiume Kwai e la storia della Thailandia

Posta a 120 Km da Bangkok, Kanchanaburi è una città immersa in un paesaggio incantevole e rilassante. Fra spettacolari colline calcaree, il centro abitato si sviluppa, infatti, lungo la sponda del fiume Kwai Yai che nelle sue acque ospita le tipiche case su zattera e le tante Guest House, luoghi ideali per godere di qualche giorno di relax.  Scopri le Offerte Viaggio e Last Minute per la Thailandia

fiume kwai Kanchanaburi thailandia

Il ponte ferrato che attraversa il fiume Kwai

I dintorni di Kanchanaburi custodiscono moltissimi luoghi d’interesse -da scoprire con interessanti gite in bicicletta, rafting, trekking o escursioni a dorso di elefante- capaci di soddisfare i gusti di ogni tipo: grotte e cascate (come la ben nota Cascata di Erawan, a sette livelli) per gli amanti della natura, ma anche wat e siti storici per chi vuole scoprire la cultura di quest’angolo di Thailandia.

Sebbene le origini di Kanchanaburi abbiano radici molto profonde, questa città viene ricordata per aver svolto un ruolo assai importante nella storia più recente: nel corso del secondo conflitto mondiale, infatti, Kanchanaburi fu base fondamentale per la costruzione della rete ferroviaria di collegamento tra Thailandia e Birmania.

Un viaggio alla scoperta di questo luogo, quindi, sa sorprendere, meravigliare e svelare un pezzo di storia thai davvero interessante!

Alla scoperta di Kanchanaburi: città dalla storia incredibile

Il modo migliore per scoprire i luoghi più interessanti di Kanchanaburi è senza dubbio quello di spostarsi in bicicletta: tutte le principali attrazioni, infatti, sono distribuite tra il fiume e Thanon Saeng Chuto, via principale e vero cuore commerciale della città.

museo della guerra di kanchanaburi

Una vecchia locomotiva esposta nel JEATH War Museum

Nella parte meridionale di Thanon Saeng Chuto, si trova il Museo della Guerra (JEATH War Museum): una collezione che consente di avvicinarsi alla storia locale, al tempo della Seconda Guerra Mondiale. Il Museo, infatti, colloca le immagini della ferrovia in quel preciso contesto storico, facendo ben rivivere le condizioni dei prigionieri di guerra impegnati nella costruzione della linea di collegamento fra Thailandia e Birmania. Davvero molto particolare è l’allestimento di una parte del museo: una capanna con il tetto in paglia, che riproduce perfettamente gli spazi in cui erano rinchiusi i prigionieri. Articoli di giornali, fotografie, dipinti danno un’ottima testimonianza di questo particolare momento storico e consentono di conoscere al meglio un importante capitolo del più recente passato thailandese.

Sempre legato alla costruzione della ferrovia, il Cimitero di guerra di Kanchanaburi (o Don Rak) è posto di fronte alla stazione di Thanon Saeng Chuto. Le 6982 tombe dei prigionieri di guerra si estendono fra prati e cespugli fioriti, in file parallele che creano uno scenario davvero particolare dal grande impatto emotivo.

le arcate del ponte sul fiume kwai in thailandia

Le arcate in acciaio del ponte sul fiume Kwai

Una dei luoghi che attrae moltissimi turisti è il Ponte sul fiume Kwai, protagonista dell’omonimo e pluripremiato film del 1957 di David Lean (“The Bridge on the River Kwai”). Le arcate in acciaio che reggono la struttura furono danneggiate durante la Seconda Guerra Mondiale; il ponte, rimesso in sesto, è ancora in uso e attraversato dai treni della linea Kanchanaburi-Nam Tok. Alcune delle locomotive originali impiegate su questo tratto nel corso del secondo conflitto mondiale si trovano a lato della struttura, completamente ristrutturate. Proprio qui si svolge, ogni anno, il suggestivo River Kwai Bridge Festival che anima Kanchanaburi per dieci sere alla fine di novembre. Spettacoli di luci e suoni appositamente allestiti celebrano, infatti, il primo bombardamento del ponte avvenuto nel 1944 ad opera degli Americani, ricreando in un’ora o poco più questo delicato momento storico vissuto dalla Regione in tempo di guerra.

Altri luoghi interessanti di Kanchanaburi si trovano dall’altra parte del Kwai Yai e possono essere raggiunti in breve tempo in bicicletta o con un battello. Il cimitero Chungkai, ad esempio, si trova proprio sulla riva del fiume, sul sito che ospitava in passato un ex campo di detenzione dei prigionieri di guerra.

Wat Tham Khao Poon thailandia

L’interno del Wat Tham Khao Poon

Seguendo la strada che porta in cima alla collina, un solo chilometro più avanti, si arriva al Wat Tham Khao Poon, un suggestivo tempio in grotta. Questa grotta artificiale ospita numerose statue dominate da un Buddha. Il paesaggio che si apre nelle vicinanze è un invito alla scoperta: superata la collina lo sguardo si apre su diversi chilometri quadrati coltivati a canna da zucchero: uno scenario indimenticabile!

Nei dintorni di Kanchanaburi: tra templi, musei e una natura sorprendente!

Per scoprire le attrazioni poste nei dintorni di Kanchanaburi, la scelta migliore è quella di spostarsi con una motocicletta. È possibile, così, raggiungere agevolmente le diverse attrazioni che consentono di scoprire altre sfaccettature della storia e della cultura di questa parte di Thailandia.

La pagoda cinese a sette ordini di Kanchanaburi

Dettagli sfarzosi della splendida pagoda a sette ordini

A soli 20 km si trovano i Wat Tham Sua e Tham Khao Noi: edifici moderni che, posti sulla sommità di una collina, offrono un panorama mozzafiato sul fiume e sulle cime al di là della vallata.

Il Wat Tham Sua, opera di un architetto thailandese, si sviluppa attorno a un chedi rivestito da piastrelle del tutto simili a quelle che abbelliscono la Pagoda di Nakhon Pathom. Al suo interno, la scena è dominata da un Placido Buddha seduto. Le sua mani sono sollevate e nei suoi palmi sono incise le Ruote della Legge; nel suo grembo una grande ciotola raccoglie le offerte dei fedeli, portate fin lì grazie a un nastro trasportatore.

Nelle immediate vicinanze, il Wat Tham Khao Noi è, invece, opera di un architetto cinese: è una pagoda cinese a sette ordini che sa incantare con il suo sfarzo. All’interno, un ridente Buddha attira l’occhio dei visitatori tra una miriade di dipinti e statue.

A poco più di 30 Km da Kanchanaburi, il Museo di Ban Kao è una meta interessante per conoscere qualcosa di più sulla civiltà preistorica che si insediò lungo le sponde del Kwai Noi. Accanto a diversi reperti archeologici legati a questa prima popolazione, furono scoperti una cinquantina di scheletri sepolti insieme a vasi dalla forma bizzarra, posti accanto alla testa e ai piedi dei defunti. Le tombe risalirebbero attorno al 1770 a.C. e i frammenti sono stati ricomposti in recipienti dalla forma tripode, forse originariamente utilizzati per la cottura del cibo su piccolo fuochi.

cascata parco nazionale erawan in thailandia

La splendida cascata a sette livelli nel Parco di Erawan

Accanto a tutte queste importanti testimonianze storiche e culturali, i dintorni di Kanchanaburi offrono anche eccellenze dal punto di vista naturalistico. Il Parco Nazionale di Erawan, ad esempio, è uno scrigno di ambienti che sanno stupire. Prime fra tutte, le omonime cascate che si trovano in questa zona, a soli 65 Km da Kanchanaburi.

La cascata, a sette livelli e sormontata da un’altra cascata tripla, è di una bellezza incredibile e crea un angolo ideale per una sosta davvero rigenerante a contatto con la natura. Un sentiero consente di salire, costeggiare il torrente e camminare a fianco di ciascuno dei tre livelli della cascata. Ognuno di questi, a sua volta, è costituito da una cascata che si getta in una piscina di acqua limpidissima, dove bamboo, rattan e liane creano un angolo ombreggiato e meraviglioso. Per intraprendere questo percorso -che può portare fino al settimo livello sebbene con un po’ di fatica in più- è necessario indossare scarpe adatte e avere un minimo di allenamento; ma il panorama che si gode durante il tragitto è qualcosa che resta impresso nel cuore!

Come raggiungere Kanchanaburi

Il modo più panoramico per raggiungere la città è quello di prendere un treno da Bangkok o da Nakhon Pathom. Venendo da Hua Hin o da altre località poste più a sud si può prendere un treno diretto a Ban Pong e da li proseguire con la coincidenza per Kanchanaburi. Più rapido è il collegamento in pullman con partenza dall’autostazione di Bangkok.

Quando andare a Kanchanaburi

La provincia Kanchanaburi è caratterizzata da un clima tropicale: caldo umido tutto l’anno con umidità piuttosto elevata. Si delineano 3 stagioni (quella delle piogge da giugno ad ottobre, quella calda da marzo a maggio e quella fresca da novembre a febbraio), e il periodo migliore per scoprire questa zona della Thailandia va da novembre a fine marzo.

Vuoi esplorare la provincia di Kanchanaburi e ammirare il Ponte sul Fiume Kwai? Scopri le nostre proposte viaggio o contattaci

Potrebbero interessarti anche le Guide Thailandia:

InnViaggi Asia raccomanda e collabora con…

Offerte & Last Minute Thailandia – Catalogo InnViaggi Thailandia

 

I commenti sono chiusi