Potala, antica dimora dei Dalai Lama, simbolo di Lhasa e del Tibet

Potala, dimora dei Dalai Lama e simbolo del Tibet

Il Potala, imponente fortezza di colore bianco e ocra che si eleva altissima sopra la città di Lhasa a una delle maggiori altitudini del mondo, è stata per quasi quattro secoli l’immagine che preannunciava al pellegrino i fasti della Città Santa del Tibet, ed ancora oggi incanta chi vi giunge per la prima volta. Consulta le proposte di viaggio e prenota!

palazzo del potala lhasa tibet

Lo spettacolare palazzo del Potala lascia davvero senza fiato!

Il Potala, il monumento più conosciuto e rappresentativo di Lhasa, è una delle massime meraviglie architettoniche dell’Oriente. Quasi tutti i viaggiatori ricordano la prima presa di contatto con il Potala come un’esperienza magica e indimenticabile.

Il Potala è una struttura delle dimensioni imponenti, un luogo che incute una sorta di timore reverenziale che giace assopito come un immenso museo; la mancanza di vita di questo edificio altamente simbolico ricorda ai visitatori che il Dalai Lama è stato costretto a trasferire altrove il proprio governo. I pellegrini hanno libero accesso al Potala ogni lunedì, mercoledì e il venerdì, perciò in tali giorni molte cappelle sono particolarmente affollate, anche se questo denota un indubbio fascino. Per evitare l’arrivo dei numerosi gruppi sarebbe meglio iniziare la visita prima delle 9.30 del mattino. Non si possono scattare fotografie all’interno del Potala e tutte le sale sono provviste di rilevatori di movimento e telecamere.

palazzo del potala tibet

Il potala visto da un’altra angolazione

Per accedere al Potala si passa attraverso la porta occidentale, seguendo la strada secondaria che conduce fino alla cima della fortezza; i corridoi si snodano attraverso l’intricato labirinto, sfociando infine Sul tetto del palazzo bianco.

Il Potala è stato la dimora di tutti i Dalai Lama che si sono susseguiti, benché dopo la costruzione del Palazzo d’Estate del Norbulingka, alla fine del XVIII secolo, sia stato utilizzato soltanto come residenza invernale. Esso era anche la sede del governo tibetano, e con le cappelle, le celle, le scuole per gli studi religiosi e le tombe dei Dalai lama, costituiva un vero microcosmo autosufficiente.

Il Potala fu bersagliato da alcuni colpi di artiglieria durante la sollevazione popolare del 1959 contro i cinesi, ma per fortuna i danni non furono gravi. L’edificio fu risparmiato anche durante la rivoluzione culturale ed è stato riaperto al pubblico nel 1980.

Il Palazzo Rosso del Potala: il piano terra

palazzo del potala guru rinpoche

Guru Rinpoche è un’immagine ricorrente nelle sale del Potala

La prima cappella che si visita è la Cappella del Nato Santo, che custodisce statue di Guru Rinpoche, dei primi quattro Dalai Lama, di Sakyamuni, del quinto Dalai Lama e degli otto Buddha della medicina. In un angolo si vedrà anche la statua dell’undicesimo Dalai Lama, morto all’età di 17 anni.

In fondo al corridoio si trova la bellissima sala delle riunioni, l’ambiente più ampio e più centrale del Potala. Qui si possono ammirare i capitelli dei pilastri finemente scolpiti. Il grande trono che domina un capo della sala apparteneva al sesto Dalai Lama e ai lati del salone si aprono quattro importanti cappelle.

Nell’ala ovest della sala riunioni si trova una delle attrattive principali del Potala, la maestosa cappella delle tombe dei Dalai Lama. Domina la sala immenso chörten alto 12,6 m e ricoperto da 3700 kg d’oro. Accanto a esso si notano due chörten più piccoli che custodiscono le spoglie del decimo e del dodicesimo Dalai Lama, entrambi morti in giovanissima età. Altri 8 chörten rappresentano gli otto principali avvenimenti della vita del Buddha.

La cappella che si apre subito dopo, il lungo Rigsum Lhakhang, è consacrata agli otto insegnanti indiani che introdussero nel Tibet varie pratiche e riti tantrici. La statua centrale in argento raffigura Guru Rinpoche; sul fianco sinistro si trovano le statue delle consorti e degli altri insegnanti, mentre alla sua destra sono visibili otto statue raffiguranti lo stesso Guru Rinpoche in diverse manifestazioni.

L’ultima Cappella di questo piano è quella di lamrim. Lamrim significa letteralmente “sentiero graduale”, un’espressione che si riferisce agli stadi progressivi che caratterizzano la via verso l’illuminazione. La statua centrale è quella di Tsongkhapa, il fondatore dell’ordine Gelugpa, al quale sono di solito collegati i testi del lamrim.

Il Palazzo Rosso del Potala: secondo piano

palazzo del potala tibet

Uno dei tesori custoditi nel palazzo del Potala

Le prime tre sale di questo piano sono tutte collegate tra loro e ospitano bene 3000 statue cinesi. Proseguendo verso l’angolo nord-occidentale si arriva un piccolo corridoio che conduce alla Camera di meditazione del re Songtsen Gampo, che insieme alla cappella di Arya Lokeshvara, è una delle stanze più antiche del Potala.

La stanza che si apre sul lato meridionale dopo la cappella di Sakyamuni ospita la mostra dei tesori del Potala: si tratta di una collezione piccola e di altissimo valore che comprendo oggetti celebri come un mandala tridimensionale realizzato con oltre 200000 perle, un Buddha in cristallo e una scultura in bronzo raffigurante un lato che si apre rivelando al suo interno alcune statuette in miniatura.

Nella cappella dei Nove Buddha della longevità si notano i dipinti murali vicini alla finestra, quello di sinistra raffigura Tangtong Gyelpo e il suo famoso ponte sullo Yarlung Tsangpo, nei pressi di Chunshul.

Nella cappella di Sakyamuni ci sono una biblioteca, il trono del settimo Dalai Lama e alcuni pregevoli esempi di calligrafia.

L’ultima Cappella del secondo piano è la cappella di Kalachakra, nota per il suo magnifico mandala tridimensionale, che supera i 6 metri di diametro e comprende oltre 170 statue finemente scolpite.

Il Palazzo Rosso del Potala: terzo piano

palazzo rosso potala tibet

Il palazzo rosso del potala, davvero imperdibile

Nelle prime due sale di questo piano sono situate le tombe dell’ottavo e del nono Dalai Lama, adorne di gioielli.

Nell’angolo nord-occidentale alcuni gradini conducono alla piccola ma importante Cappella di Arya Lokeshvara. Questo sarebbe uno dei pochi segmenti del Potala appartenenti al palazzo originale, fatto costruire nel VII secolo da Songtsen Gampo. Questa cappella è la più sacra tra quelle del Potala e l’omonima statua, posta al suo interno, è la più venerata di tutto il complesso. A sinistra della statua si trovano il settimo Dalai Lama e Tsongkhapa, a destra il quinto, l’ottavo è il nono Dalai Lama e Chana Dorje. La teca sulla sinistra contiene le impronta su pietra di Guru Rinpoche oltre a una gigantesca ruota della legge.

Dall’angolo al nord occidentale inizia un lungo corridoio che si allontana dal circuito principale portando a una galleria che si affaccia sulla tomba del tredicesimo Dalai lama. La cappella della felicità immortale, situata accanto, un tempo era la residenza del sesto Dalai Lama, ora vi è rimasto solo il trono.

Nella cappella della vittoria sui tre mondi si trova una biblioteca e alcuni test di manciù sono esposti al pubblico.

La cappella dei mandala tridimensionali ospita gli straordinari mandala tempestati di gemme e le tre principali divinità tantriche dell’ordine Gelugpa. Vicino al trono del settimo Dalai Lama vi sono alcuni pregevoli affreschi anneriti.

Il palazzo bianco

palazzo bianco potala tibet

Il palazzo bianco ospita gli alloggiamenti più riservati

Una volta giunti sul tetto, prima di entrare nelle stanze private del tredicesimo e del quattordicesimo Dalai Lama si possono ammirare le splendide vedute della città. La prima sala che si incontra all’interno e la sala del trono, dove i Dalai Lama ricevevano gli ospiti ufficiali. Il grande quadro sulla sinistra rappresenta il tredicesimo Dalai Lama. In questa sala si possono ammirare alcuni splendidi dipinti murali tra cui una rappresentazione di Bodhgaya, dove il Buddha raggiunse l’illuminazione.

Il percorso continua fino alla sala dei ricevimenti, in cui è esposta una raccolta di statue di bronzo; da un balcone accessibile da questa sala si gode una splendida veduta panoramica. Si arriva quindi alla camera della meditazione, dove sono ancora conservati alcuni oggetti rituali appartenenti all’ultimo Dalai lama. Nell’ultima stanza, la camera da letto del Dalai Lama, sono esposti alcuni effetti personali del Dalai Lama. Dalla camera da letto parte una scalinata che scende fino al cortile esterno del palazzo bianco.

Il Kora del Potala

palazzo del potala tibet

Una passeggiata intorno al Potala è davvero rilassante

Il circuito di pellegrinaggio che si snoda ai piedi del Potala offre l’opportunità di fare una piacevole passeggiata prima o dopo la visita della fortezza. Dal chörten occidentale, presso il quale un tempo sorgeva la porta occidentale di Lhasa, seguendo il viale delle ruote di preghiera si passa accanto a numerose bancarelle che vendono ogni sorta di oggetti, da sciarpe votive in seta a ruote di preghiera.

Come raggiungere Lhasa

L’aeroporto Gonggar di Lhasa si trova a 97 chilometri dal centro della città. Il tragitto in autobus impiega circa un’ora. In questo scalo arrivano voli diretti da Chengdu, Pechino, Shanghai, Chongqing, Xi’an, Xining, Guangzhou, Chamdo, Kunming, e Katmandu.

Si può raggiungere Lhasa anche con il Lhasa Express, che corre sulla linea ferroviaria più alta al mondo e collega Golmud a Xining passando vicino all’omonimo lago, il più esteso della Cina.

Quando andare in Tibet

Il periodo migliore per andare in Tibet è tra maggio e l’inizio di novembre (in seguito le temperature cominciano a diminuire). Da sottolineare che tra maggio e giugno ha una certa rilevanza il fattore vento. Lhasa gode di un clima mite da maggio a novembre, ma tra giugno e luglio possono esserci delle piogge.

Potrebbero interessarti anche le Guide Tibet:
Scheda Paese e informazioni generali

InnViaggi Asia raccomanda e collabora con…

Offerte & Last Minute Nepal, Tibet e Bhutan – Catalogo InnViaggi Asia

 

I commenti sono chiusi