Singapore: guida pratica della Repubblica di Singapore

Singapore: guida pratica della città-stato

La città-stato di Singapore rappresenta una delle espressioni migliori del melting pot. È infatti il risultato di un mix di culture, lingue e popolazioni che, nel corso della storia, hanno dato vita ai suoi quartieri, plasmato le architetture e influenzato i costumi. Volendo potrete unire un tour a Singapore ad un viaggio più lungo nelle splendide isole di Bali e dell’Indonesia. Se volete scoprire le nostre offerte viaggio per Singapore e Indonensia cliccate qui

skyline notturno di un viaggio a singapore

L’affascinante skyline notturno di Singapore

Singapore si sviluppa su una superficie di 710,30 kmin cui vivono 5,47 milioni di abitanti. Qui vengono parlate quattro lingue ufficiali e convivono ben cinque religioni (Buddismo, Taoismo, Induismo, Islam, Cattolicesimo). I templi hindu e taoisti vivono accanto a bellissime moschee e si respira un’atmosfera multiculturale, dinamica ed elettrizzante.
In passato “semplice” scalo per altri paesi del sud-est asiatico, Singapore è oggi meta ideale per un viaggio da ricordare!

Informazioni generali sulla città-stato di Singapore

Ufficialmente riconosciuta come repubblica, Singapore è una città-Stato che fa parte della penisola malese, di cui rappresenta la parte più a sud. Confina infatti a nord con la Malesia e a sud con le Isole Riau dell’Indonesia. E si estende su un arcipelago di circa 60 isole. La più grande ospita l’omonima metropoli.

A Singapore ci sono quattro lingue ufficiali: inglese, prima lingua insegnata e utilizzata nella maggior parte delle scuole, bahasa malaysia, mandarino e tamil.

viaggio a singapore

Riflessi di colori caldi che danno fascino a Singapore

L’economia di Singapore

Originariamente, lo Stato di Singapore basava la propria economia sull’esportazione di materie prime in Europa e nell’America del Nord e sull’importazione di manufatti. Ottenuta l’indipendenza, ha subito segnato una straordinaria crescita industriale che l’ha trasformato in uno degli stati asiatici più moderni e fiorenti.

Oggi Singapore è il primo porto mondiale per traffico merci e vanta attività finanziarie e bancarie di punta, fiorenti industrie petrolchimiche, tessili e farmaceutiche.

Oltre ad essere diventata una delle mete più gettonate nel comparto turistico. Spesso viene infatti visitata appositamente o abbinata ai viaggi nelle  altrettanto splendide isole dell’Indonesia. In primis Bali. La sua moneta ufficiale è il dollaro di Singapore (SGD), chiamata “singdollar” dai locali. Attualmente 1 € vale 1,5974 SGD.

Visti e passaporto

Per accedere a Singapore è indispensabile avere un passaporto con validità residua di almeno sei mesi. Non è richiesto, invece il visto a patto che il viaggio non si prolunghi oltre i 90 giorni. Per restare sempre aggiornati rispetto ad eventuali variazioni visitate la pagina della nostra ambasciata a Singapore.

Natura e biodiversità a Singapore

Bellissimi colori d’estate nel giardino botanico di Singapore

L’isola di Singapore ha un paesaggio perlopiù pianeggiante, con alture centrali che non raggiungono quote elevate. Qui la vegetazione originaria, tipica della regione equatoriale, è stata lentamente soppiantata dalle coltivazioni e dallo sviluppo urbano. E la foresta equatoriale è oggigiorno estesa solo nel cuore dell’isola, mentre le mangrovie risultano assai diffuse solo lungo la costa nord.

Non per questo mancano le attrazioni per gli amanti della natura. Durante il vostro soggiorno a Singapore potrete sbizzarrirvi tra riserve, parchi e zoo. E ammirare animali e scenari tropicali di indiscusso fascino.

Singapore, un eccezionale mix di culture e di popoli

Singapore è sempre stata interessata da forti immigrazioni. Molti popoli, infatti, hanno visto in queste terre una possibilità di riscatto e di sviluppo. Oltre ai malesi, quindi, incontrerete cinesi, indiani, euroasiatici e peranakan.

I malesi

viaggio a singapore cucina

Il Nasi Lemak, tipico piatto malese portato anche a Singapore

Gli abitanti originari dell’isola, i malesi costituiscono oggi il 13% della popolazione totale. La loro cultura ha fortemente influenzato Singapore tanto che l’inno nazionale e la toponomastica “tradiscono” le originali radici malesi. 

Per assaporare l’influenza che questo popolo ha esercitato su Singapore dovrete solo immergervi nel Kampong Glam. Un quartiere pieno di ristoranti halal, dove potrete gustare il Nasi lemak (con riso al cocco) o l’Asam laksa (zuppa piccante di pesce e noodles). Queste specialità, tipiche della Malesia, contribuiscono a rendere ancor più ricca l’offerta gastronomica di Singapore.

Cinesi, peranakan e indiani

Nel XIX secolo molti cinesi approdarono qui in cerca di fortuna a seguito dei disordini politici e sociali che interessarono il loro Paese proprio in quel periodo. A metà del 1800 ben il 50% della popolazione di Singapore era costituita da cinesi okkien, teochew, hainanesi, cantonesi e hakka. Ognuna di queste etnie trovò qui una propria specializzazione economica. L’influsso degli hainanesi, ad esempio, è forte a livello culinario, ed è leggibile nel riso all’hainanese, amatissimo dagli abitanti di Singapore. Ma sono molti altri gli aspetti della cultura cinese, ad influenzare la vita di Singapore.

I peranakan (i “nati sul posto”) sono, invece, i discendenti degli immigrati sposati a donne singaporesi, originarie  della Malesia. A loro volta i peranakan sono divisi in tre categorie, tutte fortemente legate alle proprie tradizioni. I chitty melaka e i jawi peranakan, discendono dai primi immigrati indiani, mentre i cinesi dello Stretto, i più numerosi a Singapore, sono di origine cinese continentale.

little india singapore

Uno dei templi che si ammirano passeggiando per Little India

Una minima percentuale della popolazione di Singapore è infine rappresentata da indiani (una comunità che, sebbene di piccole dimensioni, è una delle più numerose al di fuori dei confini indiani). I loro usi e costumi sono molto radicati e visibili, soprattutto nelle vie di Little India e nelle celebrazioni hindu di Thaipusam e Deepavali.

Gli euroasiatici

Infine, sono circa 15000 gli euroasiatici che vivono a Singapore, discendenti da coppie miste, asiatiche ed europee. La fede cristiana e molti aspetti culturali li hanno sempre accomunati alla classe dominante britannica e in virtù di questa assonanza hanno sempre potuto occupare posizioni di spicco nell’amministrazione locale.

Singapore: sanità e vaccinazioni

Per un viaggio in questa terra non sono obbligatorie vaccinazioni. Si richiede solamente il vaccino contro la febbre gialla, qualora, nei 6 giorni precedenti, abbiate visitato uno dei Paesi compresi nella regione endemica. In tal caso, dovrete presentare la documentazione che attesta la vaccinazione.

Prima di intraprendere un viaggio a Singapore vi consigliamo comunque (e come sempre quando la destinazione interessa i Paesi tropicali) di consultare un centro di Medicina dei viaggi, ospitato solitamente presso le ASL o i reparti di Malattie infettive degli ospedali. Qui, infatti, potrete trovare personale qualificato nel dare consigli utili sulle vaccinazioni e sui farmaci da impiegare in caso di infezioni.

Singapore, in ogni caso, vanta strutture sanitarie eccellenti, accessibili a prezzi inferiori rispetto a quelli delle cliniche private occidentali. Rimane, tuttavia, opportuno stipulare un’assicurazione sanitaria adeguata, prima della partenza per un viaggio a Singapore o nel sud-est asiatico.

Quando andare a Singapore?

shopping viaggio a singapore

La frenetica Orchard Road, la “shopping street” di Singapore

Il clima caldo che caratterizza questo Paese permette di visitare Singapore durante tutto l’arco dell’anno, anche se le temperature che si registrano nei mesi tra giugno e luglio sconsigliano un tour. In questo periodo fa realmente caldo.

Mettere dunque in valigia vestiti leggeri e comodi. T-shirt, pantaloncini corti e infradito saranno ottimi compagni di viaggio! L’abbigliamento casual, infatti, è accettato quasi ovunque, ad eccezione dei bar e dei ristoranti più esclusivi. Per una cena o un pranzo speciale, quindi, è meglio che abbiate con voi un abito più elegante, una camicia e scarpe adatte alla situazione.

Per visitare le riserve naturali e scoprire la natura di Singapore vi serviranno invece scarpe comode e adatte alle escursioni. Se il vostro viaggio cade tra novembre a gennaio (ovvero durante la stagione dei monsoni) portate con voi un k-way da tenere sempre in borsa o nello zaino!

Le 10 cose da non perdere durante un viaggio a Singapore:

Singapore è una città viva, dinamica, sorprendente. Ecco le dieci cose che vi consigliamo di provare o visitare.

  1. Innanzitutto il cibo di Singapore. Che sia quello delle bancarelle o dei kopitiam (tipici caffè che servono piatti e bevande), il food di Singapore è eccellente. Ogni popolo che ha abitato l’isola ha contribuito a creare quella che oggi è la cucina locale. Tra piatti cinesi, malesi, indonesiani e peranakan, avrete solo l’imbarazzo della scelta.
  2. gardens by the bay singapore

    Due passi a Gardens By The Bay sono davvero irrinunciabili

    I Gardens by the Bay. Un super parco di oltre 100 ettari, coperto da quasi 400.000 piante e da due enormi serre, che si affacciano su Marina Bay. Un’occasione per immergervi nella natura e per farvi stupire dai giganteschi “supertree”. Alberi fantascientifici che di notte si accendono di luci colorate!

  3. Lo Zoo e il Night Safari.  Probabilmente lo zoo più bello del mondo. Gli animali qui si presentano agli occhi dei viaggiatori senza nessuna barriera strutturale. E orango e lemuri sono solo alcune delle specie presenti. Qui potrete sperimentare un safari notturno e vedere da vicino leopardi, cervi e tigri malesi.
  4. Asian Civilization Museum. Un’esposizione nata per celebrare e valorizzare la cultura asiatica, l’arte e le tradizioni del posto. Ceramiche antiche, armi, sculture e gioielli reali, un vero piacere per gli occhi!
  5. Botanic Gardens. Un susseguirsi di laghetti, giardini tematici, spazi verdi e lembi di foresta pluviale.Un luogo in cui passeggiare tra splendide orchidee e in cui rilassarsi nella pace della natura.
  6. Orchard Road. Quasi 3 km di vetrine, negozi, centri commerciali in cui abbandonarsi allo shopping più sfrenato! Ma anche bar e locali in cui gustare ottimi drink nella magica atmosfera di Singapore.
  7. Bukit Timah Nature Reserve.Un pezzo di foresta primaria poco distante dal centro della città. Qui potrete vedere da vicino macachi cinomolgo e uccelli di differenti specie. La riserva copre ben 163 ettari. Consigliato a chi non vuole rinunciare alle escursioni e alla bellezza della natura.
  8. sentosa island viaggio a singapore

    Ecco il paradiso per grandi e piccini: Sentosa Island

    Sentosa Island. Un grandioso parco a tema, ricco di giochi, attività coinvolgenti e spettacoli per tutti i gusti. Dalle attrazioni ispirate a film famosi, al S.E.A. Aquarium, fino alle onde artificiali della Wave House su cui potrete surfare.

  9. Little India. la Singapore chiassosa del passato che rivive in questo affascinante quartiere. Camminando fra le shophouse e le vetrine in stile Bollywood, potrete gustare un teh tarik con roti prata, immergendovi appieno in questa magica atmosfera.
  10. Pulau Ubin: una piccola isola dal grande fascino. Tra mangrovie e laghetti, tipiche abitazioni e templi, un modo per “fuggire” dalla frenesia di Singapore a favore di una giornata a contatto con la natura.

Cosa aspettate ad organizzare un tour alla scoperta di Singapore? Consultate le offerte Viaggio e i Last Minute per Bali e l’Indonesia e abbinate con un soggiorno a Singapore!

Potrebbero interessarvi anche le Guide di Singapore:

Natura a Singapore
Cultura a Singapore

InnViaggi Asia raccomanda e collabora con…

Offerte & Last Minute Bali & Indonesia – Catalogo InnViaggi Asia

Save

Save

Save

Save

I commenti sono chiusi