Singapore e Bali: tour alla scoperta delle meraviglie d’oriente tra modernità e tradizione

viaggio singapre e bali

Lo splendido palazzo sull’acqua di Bali

Singapore e Bali: tour alla scoperta delle meraviglie d’oriente tra modernità e tradizione

Singapore e Bali: un viaggio attraverso l’isola indonesiana dalla storia e dalla cultura incredibili, può essere arricchito da un breve tour nella Città-Stato che negli ultimi anni ha saputo affermarsi nel panorama del Sud-est. Terra dalle mille sfaccettature, Singapore sa essere, infatti, una tappa interessantissima nella trasferta verso la ben nota e affermata isola balinese. Ecco qualche spunto per trascorrere quattro giorni in questa metropoli che, fra i suoi quartieri e musei, custodisce non poche sorprese!

Primo giorno: un salto nella storia di Singapore

Diversi sono i musei e le collezioni che consentono di scoprire la storia e la cultura di Singapore: un buon punto di inizio è rappresentato dal National Museum di Singapore (SAM). L’edificio, ottimo esempio dell’architettura coloniale dell’800, è un bellissimo concentrato dell’arte tipica del Sud-est asiatico, con particolare riferimento a quella della Città-Stato e dei suoi dintorni. Le opere donate da Wu Guanzhong, padre della pittura cinese moderna, rendono particolarmente interessante l’omonima Galleria.

Un’altra imperdibile esposizione è rappresentata dall’Asian Civilizations Museum, collezione che ripercorre storia, cultura e religioni del Sud-est asiatico grazie a incredibili tesori provenienti dalla Cina, dall’Asia meridionale e dalle regioni occidentali islamiche. Tra tessuti, gioielli e spade, camminando fra le sale di questo museo si percorre idealmente un incredibile viaggio nel passato.Infine, il Peranakan Museum, occasione unica e imperdibile di immergersi nella tradizione dei Peranakan (i discendenti dei primi immigrati a Singapore sposati ai malesi locali). Dai riti legati alle nozze ai letti matrimoniali finemente intarsiati, dagli abiti da cerimonia alle bellissime porcellane, questo museo è una delle cose da non perdere nella metropoli!

singapore e bali

Le luci e i colori del quartiere di Chinatown a Singapore

Un altro modo per conoscere le origini e la storia di Singapore è quello di dedicare qualche ora al quartiere di Chinatown. Il Chinatown Eritage Centre raccoglie vecchie foto e aneddoti legati alla vita di chi, originariamente, viveva qui. Antiche botteghe e laboratori di sartoria sono riprodotti nel piano inferiore, consentendo al visitatore di conoscere un aspetto di Singapore molto affascinante. Tra le vie di Chinatown, poi, merita una visita lo Sri Mariamman Temple, il tempio hindu più antico della città. La sua coloratissima torre d’ingresso (gopuram) rende questo edificio un vero gioiello architettonico. Altro luogo sacro legato alla religione hindu è il Thian Hock Keng Temple, dall’atmosfera molto tranquilla e riservata. Il Buddha Tooth Relic Temple, invece, è un monumentale tempio buddhista a cinque piani, reso celebre per conservare il dente canino sinistro del Buddha.

singapore e bali

Lo zoo di Singapore è adatto a tutti, grandi e piccini

Per concludere questa giornata, mentre il sole cala sull’orizzonte, perché non godersi il panorama mozzafiato dalla Pinnacle@Duxton? La terrazza al cinquantesimo piano del complesso di case popolari più grande al mondo, infatti, regala una vista straordinaria sull’intera città! Le emozioni a Singapore, però, proseguono anche dopo il tramonto: adiacente al Singapore Zoo -uno dei più straordinari al mondo, dove ammirare oranghi, farfalle, pipistrelli, bradipi didattili- si trova, infatti, il Night Safari. Un’escursione in tram permette di addentrarsi nella giungla abitata da tigri, alligatori e leopardi; una visita a piedi lungo i sentieri del parco regala emozioni indimenticabili, tra scoiattoli volanti e altre incredibili meraviglie della natura!

Secondo giorno: magiche atmosfere a Little India e…Via con lo shopping!

Una meta imperdibile nella visita alla città di Singapore è Little India: il camminare nelle sue vie intrise di aromi e di spezie -accompagnati dalle colonne sonore di Bollywood e dalla maestria di sarti che cuciono stoffe secondo antiche tradizioni- sarà un’emozione unica da raccontare e da ricordare una volta tornati a casa. Imperdibile è lo Sri Veeramakaliamman Temple -il tempio più pittoresco del quartiere- durante le quattro cerimonie di preghiera che si tengono ogni giorno. In questi momenti, infatti, è possibile immergersi in un’atmosfera assolutamente suggestiva!

singapore e bali

Lo spettacolo dei superalberi a Gardens By The Bay

Nel pomeriggio, complice la calura, gli appassionati di shopping (e non solo!) avranno una “buona scusa” per fare un salto alla Orchard Road: una delle strade più famose al mondo per i suoi oltre 20 centri commerciali, discount tradizionali e magazzini, dove trovare -oltre alla frescura dell’aria condizionata- una straordinaria varietà di negozi.

In serata, infine, i Gardens by The Bay offrono uno spettacolo unico e memorabile per chi visita Singapore. Questi eccezionali giardini botanici – dotati di due serre che ospitano ben 800 specie di piante- sono resi assai vivaci dai due grandiosi Supertree: sculture mastodontiche che, di sera, accendono le proprie luci multicolore, affascinando chiunque assista alla scena.

Terzo giorno a Singapore: Kampong Glam, fra le strade e i palazzi della famiglia reale malese

Lo storico quartiere malese di Singapore, Kampong Glam, affascina chiunque con le sue Shop House restaurate, con i vivaci ristoranti e i caffè animati. L’ultimo sultano di Singapore fece costruire proprio qui (sede storica della famiglia reale malese) l’istana, sontuoso palazzo oggi adibito a museo e dedicato alla cultura e alla storia dei Malesi a Singapore.

singapore e bali

La bellissima facciata esteriore della Sultan Mosque

Nella stessa zona sorge anche la Sultan mosque, la più grande moschea di Singapore. La sua grande cupola dorata svetta nel paesaggio cittadino, attirando moltissimi turisti ogni giorno. E’ bene ricordare che per accedervi è necessario indossare abiti consoni e che solo i fedeli islamici possono entrare nella sala di preghiera.

L’isola di Sentosa offre, invece, possibilità di svago incredibili: qui si può trascorrere un pomeriggio a tutto divertimento fra creature marine nel S.E.A. Aquarium, skydiving all’Ifly, surf alla Wave House…E, la sera, cosa c’è di meglio di un drink di fronte al mare, trascorrendo ore in assoluto relax?

Quarto giorno, tra isole e villaggi per godere di tranquillità e di magiche atmosfere

singapore e bali

Natura a 360 gradi visitando Pulau Ubin

L’ultimo giorno a Singapore può essere dedicato alla scoperta di alcune isole adiacenti a quella principale. In particolare, Pulau Ubin sa essere una meta sorprendente e consente di immergersi in scenari naturali davvero incredibili. Partendo da Changi, con una piccola barca a motore e in soli dieci minuti, si raggiunge questo piccolo paradiso, ottima “possibilità di fuga” dalla frenesia della città. Una giungla rigogliosa offre l’ambiente ideale a lucertole e uccelli, circondando villaggi dai tetti in lamiera. Per godere appieno di questo angolo di pace, è possibile noleggiare una mountain bike e spostarsi fra mangrovie e piccoli templi con tutta tranquillità.

Rientrati a Singapore, nel pomeriggio, merita una visita il Changi Museum and Chapel, dedicato alla storia dell’occupazione giapponese che interessò queste terre. La sera un giro per Changi Village consente di vivere un lato più tranquillo di Singapore. Ora si può partire per la seconda tappa del nostro viaggio tra Singapore e Bali!

Bali, incredibile espressione della bellezza d’Indonesia

Conclusa la prima parte del tour “Singapore e Bali”, si accede all’isola indonesiana, Bali, interessata da un succedersi di popolazioni e culture differenti -dalla società Induista e Buddista prima agli Olandesi poi, sino alla più recente e breve occupazione da parte dei Giapponesi- che ha raggiunto la propria indipendenza nel 1945 ed è, oggi, abitata da una popolazione Induista che conserva un patrimonio culturale assolutamente invidiabile.

Se le coste di questa isola del Sud-est asiatico sono mete ideali per gli amanti di surf, snorkelling e diving e per chi desidera il relax sulla spiaggia accompagnato da una vivace vita notturna, l’entroterra è capace di ammaliare chi cerca luoghi selvaggi in cui abbandonare lo sguardo a paesaggi incredibili e in cui incontrare una natura meravigliosa.

La sua capitale, Denpasar, è una città dinamica arricchita da interessanti musei. Visitando i suoi mercati tradizionali e i suoi quartieri è possibile vivere per qualche ora la quotidianità di Bali, lontano dalle mete turistiche più classiche.

singapore e bali

Bali e le sue spiagge mozzafiato, da non perdere!

Per un tuffo in scenari paradisiaci, Kuta, Legian e Seminyak sono le località migliori. Accanto alle incredibili spiagge di sabbia dorata, bar, negozi, resort rendono questa parte di Bali la più ricercata dai turisti. A una trentina di chilometri da Kuta, Pura Tanah Lot è un’altra delle località più belle, emblema dell’intera isola. Qui, infatti, si apre uno scenario unico: sabbie nere di origine vulcanica accolgono le onde di un mare cristallino…da restare senza fiato! Chi cerca luoghi più isolati, invece, non resta deluso da Sanur e Nusa Lembogan: la prima, lido mai affollato dove trascorrere ore in assoluto relax; la seconda, tranquillo isolotto dove le foreste di mangrovie si affacciano su spiagge candide.

Bali sa appagare anche gli amanti del surf: Bukit, a sud di Kuta, è ricca di surf beach, insenature ideali per chi pratica questo sport. Fra le calette più belle, Dreamland, Bingin e Suluban offrono onde spettacolari che richiamano ogni anno surfisti da tutto il mondo.

In un mare tanto cristallino come resistere poi alla tentazione di immergersi e di scoprire meravigliosi fondali? Ecco, allora, che Bali offre tantissime località dove dedicarsi allo snorkelling e al diving: Blue Lagoon vicino a Padang Bai, Candi Dasa, Amed, Jemeluk e Lovina sono luoghi incantevoli, dove la bellezza delle spiagge prosegue in un’acqua incredibilmente cristallina e in fondali variopinti, arricchiti da splendidi coralli e da una meravigliosa natura.

Ma Bali non è meta ideale solo per chi ama “godersi la spiaggia”, abbandonandosi poi ai divertimenti della vita notturna: custodisce, infatti, scenari naturalistici dalla straordinaria imponenza e bellezza.

singapore e bali

Il Gunung Batur, meta prediletta degli escursionisti

Il cratere del Batur, ad esempio, offre un paesaggio davvero incredibile. ll Gunung Penulisan (1745 m) e il Gunung Abang (2153 m) rappresentano i punti più elevati di questo antico vulcano. Il Gunung Batur, ancora attivo, è meta di escursionisti che vogliono meravigliarsi di fronte a un panorama mozzafiato: fra i suoi quattro crateri si apre, infatti, un lago, regalando uno scenario assolutamente imperdibile.

Una destinazione meno frequentata dai turisti, ma che sa regalare altrettante emozioni, è il il Lago Bratan: posto a 1200 m d’altezza, è circondato da un paesaggio meraviglioso, dove le montagne e i laghi che caratterizzano questa parte di Bali sono ideali per facili escursioni e passeggiate da ricordare.
Infine, merita una visita l’unico parco nazionale balinese, il Bali Barat National Park: quest’area protetta custodisce quasi 200 chilometri in cui savana, foreste e barriere coralline (come l’incredibile Palau Manjangan) si alternano in un vero spettacolo di natura.

Bali è, poi, isola dalla straordinaria cultura. Chi vuole ammirare esempi legati all’architettura religiosa balinese non può non visitare i magnifici templi di Pura Luhur Uluwatu (che, situati su uno sperone roccioso, regalano un paesaggio dalla bellezza unica), gli oltre venti templi di Besakih -ai piedi del Gunung Agung, la montagna più alta di Bali- e quelli del villaggio di Pejeng dove sono conservate pregiate sculture.

singapore e bali

Le affascinanti risaie terrazzate di Ubud, da non perdere

Per entrare in contatto con la vera essenza culturale di Bali, però, non può mancare una visita a Ubud. La città, circondata dalle caratteristiche risaie terrazzate, racchiude in sé tutte le espressioni della cultura balinese: pittura, balli, musica, artigianato trovano qui la massima espressione. Accanto a musei che raccolgono le principali testimonianze artistiche dell’isola, camminare per le vie e per i quartieri di Ubud consente di ammirare botteghe artigiane e negozi tipici; passeggiando nel Monkey Forest Sanctuary -vero gioiello della città- si entra in una dimensione affascinante tra antichi templi e sculture incredibili.

Infine, per chiudere in bellezza un tour tra Singapore e Bali, il luogo ideale è l’Ubud Botanic Garden: 160 ettari dove abbandonarsi alla bellezza di splendide fioriture e alla tranquillità dato dal contatto con una natura meravigliosa.

Vuoi organizzare un viaggio personalizzato tra Singapore e Bali? Contattaci subito!

Vuoi conoscere le informazioni generali per un viaggio a Singapore? Dai uno sguardo alla guida pratica!

Guarda le offerte viaggio, consulta i nostri tour e pacchetti sull’Indonesia per poi abbinare un soggiorno a Singapore!

Commenti

commenti

Taggato , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi